NEWS

Su Italia Oggi si parla del 1°Roadshow sul Public e-Procurement promosso da Cle

Il quotidiano economico Italia Oggi (in edicola il giorno 15 febbraio 2019) dedica uno spazio al “1° Roadshow sul Public e-Procurement” promosso dall’azienda pugliese CLE, in programma il 28 febbraio dalle 9 alle 12,30. Nell’articolo si parla degli obiettivi dell’iniziativa:  formare e informare gli operatori delle Pubbliche Amministrazioni, sulle corrette procedure per realizzare in toto il Public e-Procurement e beneficiarne dei vantaggi derivanti. Clicca qui per leggere l’articolo:   

“Innovazione per le aziende una sfida non un sogno”: intervento di Mariarosaria Scherillo sulla Gazzetta del Mezzogiorno

Il quotidiano pugliese “La Gazzetta del Mezzogiorno”, edizione di Bari, ospita un intervento di Mariarosaria Scherillo, presidente Sezione Terziario Innovativo e Comunicazione di Confindustria Bari BAT e CEO della CLE, sul tema dell’innovazione in azienda. “Qualunque sia la dimensione della sua impresa, un imprenditore continua ogni giorno a coltivare l’impegno di portare sul mercato un prodotto o un servizio innovativo che lo faccia emergere e al tempo stesso ne appaghi la voglia di cambiamento” scrive la Scherillo. Ecco l’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno    

“1° Roadshow sul Public e-Procurement” promosso dalla CLE – Città Metropolitana di Bari, 28 febbraio

Prende il via da Bari il “1° Roadshow sul Public e-Procurement” promosso dalla CLE srl. L’iniziativa, in programma dalle ore 9 alle 12,30 nella Sala Consiliare della Città Metropolitana, nasce con l’obiettivo di formare e informare gli operatori delle Pubbliche Amministrazioni sulle corrette procedure in tema di Public e-Procurement e sui vantaggi per la PA. La giornata formativa prevede la partecipazione di esperti sul tema e specialisti che, dopo una panoramica sul quadro normativo, presenteranno ai partecipanti criticità e soluzioni su affidamenti, appalti, concessioni e contratti pubblici. Gli spunti e le riflessioni che emergeranno dall’incontro forniranno un valido contributo per comprendere meglio le dinamiche di un ambito complesso come il Public e-Procurement e le modalità per gestire le procedure telematiche che le Pubbliche Amministrazioni devono espletare per l’affidamento di forniture, servizi e lavori, nel rispetto del complessivo quadro normativo di riferimento in materia di contratti pubblici. L’incontro, patrocinato dalla Città Metropolitana di Bari, si aprirà con l’intervento dal titolo “Il quadro normativo di riferimento” a cura dell’avvocato amministrativista Nicola Parisi. A seguire, il direttore tecnico, manager ICT e specialista in Public e-Procurement della Cle, Tiziano Chiumeo parlerà di supporto tecnico alle PA in materia di contratti pubblici e relative procedure. L’iniziativa è riservata ai dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni per un massimo di n.2 partecipanti per ciascun Ente. L’iscrizione, del tutto gratuita, è obbligatoria al seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-roadshow-su-public-e-procurement-55964079067   

CLE tra le PMI più innovative d’Italia per la rivista nazionale Economy

Il 2019 si apre con una grande soddisfazione per la nostra azienda. Cle, infatti, è stata selezionata tra le PMI più innovative d’Italia dalla rivista nazionale Economy. Nel numero di gennaio, all’interno di un articolo a firma del giornalista Giuseppe Alviggi e intitolato “Il marketing dell’innovazione fa la differenza sul mercato”, la dottoressa Mariarosaria Scherillo, CEO di Cle Srl, racconta la storia dell’azienda, diventata un riferimento in Puglia e a livello nazionale, con 40 addetti, tra cui giovani talenti del territorio, e una rete virtuosa che coinvolge istituti di ricerca, università e associazioni: “Un modello di successo, promosso sui diversi territori attraverso una strategia di comunicazione locale e nazionale – si legge nell’approfondimento -, esportabile in altre regioni con vantaggi per l’ente e per il paziente. Le prossime sfide sono l’e-procurement, con un supporto alle pubbliche amministrazioni, e il nuovo sistema informativo dei servizi sociali della Regione Campania.” Scarica l’articolo

Natale 2018: aperture straordinarie CLE 24 e 31 dicembre

Si comunica che la CLE, in occasione delle festività natalizie, osserverà un’apertura straordinaria nei giorni 24 e 31 dicembre, dalle ore 9,00 alle ore 13,00. Gli uffici amministrativi resteranno chiusi per ferie dal 31 dicembre al 4 gennaio 2019. L’attenzione alle esigenze dei clienti e l’investimento costante nel miglioramento dei servizi offerti rappresentano da sempre i principali elementi su cui si fonda l’attività societaria. Oltre alla fornitura di soluzioni informatiche innovative, rispondenti ai nuovi paradigmi di Industria 4.0, la Cle si caratterizza per un puntuale servizio di assistenza fornito da un team di professionisti. Per questo motivo, anche durante il periodo di festa, non mancherà un adeguato supporto per rispondere alle esigenze dei clienti.

Cle Srl tra le case history di successo alla XII edizione del Premio Best Practices per l’Innovazione

Cle Srl torna al Premio Best Practices per l’Innovazione, organizzato da Confindustria Salerno. In occasione della dodicesima edizione, il Comitato organizzatore della competition nazionale riservata ad imprese e start up innovative, ha selezionato la nostra azienda come case history di successo in virtù degli importanti risultati ottenuti dalla piattaforma Resettami, premiata proprio al Premio due anni fa ed attualmente in uso presso diverse ASL, Ambiti Sociali Territoriali e Comuni della Regione Puglia e Campania, con un bacino di 3 milioni di pazienti assistibili. Dopo i recenti riconoscimenti ottenuti, tra cui quello relativo alle migliori app che raccontano il Sud, Resettami conferma la sua vocazione innovativa, grazie alla sua capacità di migliorare l’offerta domiciliare integrata.

Lean Lifestyle© & Impact Innovation: Cle srl investe nell’alta formazione delle sue risorse

Formazione di elevata professionalità come leva strategica di crescita per tutte le risorse umane. E’ questo l’obiettivo dei percorsi di formazione organizzati da Cle Srl per i propri dipendenti. L’ultimo in ordine di tempo, pianificato in collaborazione con Lenovys, società specializzata in ricerca, consulenza e formazione nell’ambito del Lean Management, si è focalizzato su “Lean Lifestyle© e Impact Innovation”, due temi di assoluto interesse per la cultura d’impresa. Il Lean Lifestyle© è la metodologia che permette di ottimizzare la gestione delle risorse umane, riducendo stress e fatica sul posto di lavoro ed incrementando la produttività aziendale. L’obiettivo dell’impact innovation training, invece, è quello di costruire una proposta innovativa di grande impatto, capace di aprire all’azienda nuovi e redditizi spazi di mercato, distinguendosi rispetto ai competitor. Il percorso di formazione, inaugurato nelle scorse settimane, si concluderà entro il mese di dicembre e permetterà a tutte le risorse umane impegnate all’interno delle business unit di Cle Srl di acquisire competenze multidisciplinari in grado di apportare un sensibile beneficio ai piani di sviluppo dell’azienda. Clicca qui per scoprire di più sulla nostra azienda.

Resettami Cure Domiciliari al “Premio App4Sud”

Siamo felici di comunicare che la nostra piattaforma “Resettami Cure Domiciliari” è stata selezionata per partecipare al prestigioso “Premio App4Sud”, la competition di Forum PA Digital 360 che raccoglie i progetti più interessanti sul tema dell’Innovazione Digitale Sostenibile. Resettami, già in uso presso diverse Asl pugliesi, nasce con l’obiettivo di gestire e condividere in tempo reale il percorso di cura del paziente tramite un’unica piattaforma in cloud. Resettami ha innovato i processi dell’assistenza socio-sanitaria, abbattendo le liste d’attesa e permettendo agli attori della sanità territoriale di valorizzare la propria professionalità. Per votare la nostra piattaforma al premio App4Sud basta effettuare tre semplici azioni: Cliccare su questo link: http://www.forumpachallenge.it/s…/resettami-cure-domiciliari Registrarsi Votare per l’App Resettami

Mariarosaria Scherillo è il nuovo vicepresidente vicario del CNCT di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

XVI Congresso Nazionale CARD. Resettami è il sistema digitalizzato per l’integrazione socio-sanitaria: intervista al CEO Mariarosaria Scherillo.

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/05/CLE-SRL-26-maggio-2018-TRM-approfondimento-.mp4

XVI Congresso Nazionale CARD Resettami: la piattaforma software per l’integrazione socio-sanitaria che riduce i tempi di attesa e gestione

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/05/CLE-SRL-25-maggio-2018-TELEBARI-ore-20.mp4

Bari – Convegno Card: focus sulle diseguaglianze nella sanità.

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/05/20180526-TG_NORBA_24-TG_NORBA_24_1230-130408109m.mp4

Resettami è stata protagonista del XVI Congresso Nazionale CARD.

Nella relazione di Card Italia emerge che al compimento del 65mo anno di vita le aspettative aumentano: i maschi possono raggiungere la soglia di 84,3 anni mentre le donne 87,3. L’andamento delle aspettative di vita per i pugliesi è in linea con  quello nazionale. La Puglia è la regione del Sud dove si vive più a lungo. Se alla nascita  per i maschi è 80,8 anni e per le femmine 85, al compimento del 65mo anno di vita le aspettative aumentano. I maschi possono raggiungere la soglia di 84,3 anni mentre le donne 87,3.  E’ uno dei dati emersi dalla relazione dal presidente della Card Italia (Confederazioni Associazioni Regionali di Distretto), Gennaro Volpe, al XVI Congresso nazionale in corso a Bari sul tema “PDTA e cure personalizzate: strategia distrettuale per la lotta alle diseguaglianze”. Attraversando l’Italia da Nord a Sud , a prescindere dal livello culturale, si perde un anno di aspettativa di vita. Si rileva, infatti una sanità a due velocità. I nuovi dati sulla mortalità senile mostrano un maggiore impatto delle condizioni socio economiche sulle diseguaglianze nella longevità rispetto al passato. “Le diseguaglianze – ha proseguito Volpe – nelle condizioni di salute e nel livello socioeconomico iniziano precocemente. Svantaggi di salute, istruzione, occupazione e reddito si rinforzano gli uni con gli altri e peggiorano nel corso della vita. Le persone delle fasce socioeconomiche inferiori presentano una maggiore richiesta di cure a lungo termine, ma i servizi domiciliari istituzionali rimangono spesso insostenibili. Per prevenire le diseguaglianze bisogna porre la salute […]

La CLE di Bari digitalizza la ASL di Lecce.

La Asl di Lecce abbatte i costi e i tempi di attesa per l’assistenza socio-sanitaria grazie a un innovativo sistema digitale. Il progetto di digitalizzazione dell’Azienda sanitaria locale salentina, rivolto all’assistenza socio-sanitaria integrata, è stato presentato l’altro giorno a Bari durante il convegno «Card», organizzato dalla Confederazione delle associazioni regionali di distretto con l’obiettivo di promuovere il dibattito sul tema delle disuguaglianze di salute e diffondere la conoscenza sulle migliori pratiche di aziende sanitarie e distretti in Italia volte a massimizzare l’accesso alle cure. La Asl guidata dal direttore generale Ottavio Narracci, grazie alle innovazioni apportate dalla piattaforma «IT Resettami» realizzata dalla Cle di Bari, ha informatizzato i processi di presa in carico del paziente, per i quali ora basta un solo giorno (a fronte dei 30 del passato), e quelli di erogazione delle cure domiciliari, attivabili in cinque giorni contro i 60 di prima. Il tutto a vantaggio del cittadino che non deve più districarsi tra uffici e pratiche, avendo la possibilità di iniziare subito le cure. Vantaggi anche per i conti pubblici, visto che l’introduzione della nuova piattaforma ha consentito all’Azienda di dimezzare i costi. «L’adozione di strumenti informativi nella pubblica  amministrazione – ha commentato Narracci – deve essere un traguardo fondamentale da raggiungere al fine di assicurare la certezza del servizio ai cittadini e un percorso di trasparenza e operatività interno all’ente. L’introduzione di «Resettami» ha consentito una vasta razionalizzazione delle economie di scala grazie all’integrazione dei servizi e delle risorse umane coinvolte e un’immediata disponibilità dei dati sociosanitari attraverso la rete […]

Le tecnologie informatiche per ridurre le disuguaglianze di cure sanitarie: l’esperienza di Resettami al convegno CARD, a Bari il prossimo 25 maggio

Resettami sarà tra i protagonisti del XVI Congresso Nazionale ‘PDTA e cure personalizzate – Strategie distrettuali per la lotta alle diseguaglianze’ organizzato da Card, la Confederazione di Associazioni Regionali di Distretto i prossimi 24, 25 e 26 maggio a Bari, a Villa Romanazzi Carducci. In particolare, dei benefici apportati dalla piattaforma tecnologica di CLE, ideata per supportare, a tutti i livelli, i più innovativi modelli operativi per la gestione integrata dei percorsi assistenziali negli Ambiti Sociali Territoriali, nei Comuni, nelle ASL, nei Distretti Socio-Sanitari e nelle Cooperative Sociali, si parlerà venerdì 25 maggio alle 14,40 durante il focus dal titolo ‘Interventi sulla integrazione socio-sanitaria. Esperienze pugliesi’. Il convegno ha l’obiettivo di potenziare e diffondere nei distretti e nei Servizi territoriali il tema delle disuguaglianze di salute, evidenti sia a livello intra-regionale, sia nelle diverse ASL. La tre giorni sarà quindi un momento di incontro per promuovere nelle comunità la consapevolezza delle strategie possibili e attuabili per ridurre queste disuguaglianze. In molte realtà territoriali sono infatti attivi percorsi di cura e nuove metodologie che integrano i servizi socio-sanitari anche grazie alle tecnologie informatiche e permettono un accesso alle cure esteso. E la piattaforma Resettami si sta dimostrando uno tra gli strumenti più utili per facilitare l’accesso alle cure. Per questo motivo, CLE ha deciso di supportare la realizzazione del convegno e di portare l’esempio concreto delle applicazioni di Resettami all’attenzione del numeroso pubblico presente e degli importanti relatori che si alterneranno sul palco. I benefici ottenuti con l’utilizzo di Resettami si […]

Dal progetto all’industrializzazione del prodotto che per innovatività può avere ricadute internazionali

Diagnostica a domicilio grazie a sei aziende It pugliesi Si chiama Emo.Ti.On la prima soluzione tecnologica integrata per la sicurezza dei bambini affetti da emofilia creata da sei aziende IT pugliesi.  Grazie a questa tecnologia, sarà possibile effettuare diagnostica per immagini a domicilio e videoconsulto medico in favore di chi soffre di questa malattia rara di origine genetica, dovuta a un difetto della coagulazione del sangue, che colpisce in Italia circa 6.000 persone e nel mondo oltre 500.000. La sperimentazione clinica dell’innovativa tecnologia, condotta nell’ultimo anno nella Clinica pediatrica ‘Trambusti’ dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bari su 12 bambini emofilici tra 3 e 10 anni, si è chiusa positivamente, validando i risultati diagnostici forniti da un prototipo di ecografo digitale portatile e confermando la perfetta trasmissione di dati e immagini attraverso una piattaforma in cloud. È su questo luogo virtuale che i medici possono fornire agli assistenti del malato (‘care givers’) il proprio teleconsulto contestualmente alla ricezione delle ecografie digitali; indubbio il miglioramento della qualità di vita degli emofilici, sinora costretti a ricorrere con urgenza all’assistenza di centri ambulatoriali e pronto soccorso del territorio o, in assenza di visita, all’infusione di costosi farmaci a scopo preventivo. Cuore del sistema è la piattaforma on line che, oltre alla trasmissione delle ecografie e alle sessioni di teleconsulto, consente ai vari attori coinvolti nel percorso di cura (pazienti, familiari, care givers, medici di famiglia, specialisti e ricercatori) di comunicare tra loro per raggiungere un ambizioso obiettivo: creare, grazie a un motore di ricerca semantico, […]

Occuparsi del benessere dei dipendenti non è strategia, ma una scelta di cuore

Elisabetta de Luca – PERSONE&CONOSCENZE N.127 – Febbraio 2018 Se è molto semplice trovare multinazionali che hanno numerosi progetti dedicati al benessere delle loro persone è perché hanno intuito, prima delle aziende più piccole, che avere le persone felici a lavoro, le rende più produttive. Le PMI non sempre seguono l’esempio delle grandi, preoccupate dei costi (e dell’impegno) che qualsiasi iniziativa comporta. Ma c’è chi ha trovato un motore diverso per spingere verso il wellbeing: ricordarsi cosa significa essere un dipendente frustrato e prendersi la responsabilità di migliorare la vita lavorativa delle persone. Una scelta di cuore, quindi, e non ‘di portafoglio’.   Dai dati raccolti dall’Agenda HR, l’annuale ricerca sui trend e le sfide per chi si occupa di gestire le persone che OD&M realizza con ESTE (per approfondire, leggere il report della presentazione dei dati, a pagina….), è emerso che gli Amministratori Delegati nel 2018 puntano a implementare il wellbeing dei dipendenti, perché occuparsi del benessere delle persone aumenta la produttività. Ma tra il dire e il fare ci sono di mezzo…i costi. Da una ricerca effettuata da Willis Towers Watson, società leader nella consulenza direzionale e organizzativa, è emerso che ben il 64% dei datori di lavoro italiani è preoccupato per la crescita dei costi dei benefit (a fronte del 55% dell’area Emea); il 50% per l’impatto dei cambiamenti normativi e il cambiamento dei benefit obbligatori; il 44% di avere un budget insufficiente per realizzare i cambiamenti necessari nei piani di benefit. L’Italia non è sola: il 58% delle […]

Sanità digitale,da CLE a Openwork: ecco come la Puglia diventa eccellenza

          Assunzioni, boom di fatturato e progetti: storie di tre società che puntano sull’innovazione Sanità digitale, in Puglia tre esempi di eccellenza di diagnostica domiciliare per immagine. Tre aziende che sono intervenute con successo in vari ambiti diagnostici e clinici. La prima è CLE che ha creato un sistema digitale per la sicurezza dei bambini emolitici. La diagnostica per immagini a domicilio e video consulto medico sono possibili grazie a ” EMO.TI.ON”, la prima  soluzione tecnologica integrata per la sicurezza dei bambini affetti da emofilia,malattia rara di origine genetica che colpisce in Italia circa 6.000 persone e nel mondo oltre 500.000. <<A due anni dall’inizio del progetto  – ha detto Mariarosaria Scherillo, CEO di CLE, la società capofila della Ats – siamo pronti ad avviare in pochi mesi l’industrializzazione del prodotto. I pazienti colpiti da malattie rare sono 30 milioni in Europa,250 mila in Italia e 21.000 in Puglia, tra le poche regioni italiane a destinare fondi strutturali europei per queste malattie>>. CLE srl, fondata nel 1987 è attiva nella realizzazione di prodotti e servizi in ambito IT, fornisce le sue soluzioni informatiche a pubbliche amministrazioni, Asl e imprese di tutta Italia attraverso la sede di Bari e la filiale in provincia di Milano. Con l’assunzione nel 2017 di 15 persone a tempo indeterminato ha raggiunto i 35 dipendenti per un fatturato di oltre 2,5 milioni di euro; il piano industriale 2017-2019 prevede l’ampliamento del mercato ad alcuni paesi Europei e un ulteriore incremento occupazionale a […]

Bari – Dall’analisi dell’Osservatorio sulle competenze digitali, risulta che, in Puglia la richiesta da parte delle imprese di figure specializzate rimane insoddisfatta: lo spiega la Dott.ssa Maria Rosaria Scherillo, presidente Sezione Terziario e Innovazione di Confindustria Bari e Bat.

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/03/20180301-RAI_3-TGR_PUGLIA_1930-201137352m.mp4

TGR_ Progetto EMO.TI.ON

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/02/CLE-SRL-13-febbraio-2018-TGR-PUGLIA-ore-1935.mp4

Progetto EMO.TI.ON_La rivoluzione dell’assistenza digitale

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/02/CLE-SRL-14-febbraio-2018-ANTENNASUD-ore-715.mp4

Workshop _Il progetto di ricerca EMO.TI.ON

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/02/CLE-SRL-13-febbraio-2018-TELEBARI-ore-20.mp4

EMO.TI.ON – La “sanità digitale”made in Puglia per l’emofilia pediatrica

Bari, 9 febbraio 2018. Una rivoluzione per l’assistenza e la sicurezza dei bambini affetti da emofilia: saranno presentati martedì 13 febbraio alle ore 15 nella sede della Regione Puglia di via Gentile 52 i risultati del progetto di ricerca EMO.TI.ON, condotto da sei aziende IT pugliesi e volto alla realizzazione della prima soluzione tecnologica in grado di integrare diagnostica per immagini a domicilio e videoconsulti telematici.I dati della sperimentazione condotta e la strumentazione tecnologica per garantire un’accurata assistenza domiciliare ai bambini emofilici saranno presentati durante il workshop ’EMO.TI.ON Tecnologie per la sicurezza dei bambini con emofilia’. Al workshop parteciperanno, tra gli altri, l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Michele Mazzarano, il direttore dell’AReSS Giovanni Gorgoni, la coordinatrice del Co.Re.Ma.R. Giuseppina Annicchiarico e la CEO di CLE, azienda capofila dell’ATS che ha sviluppato il progetto, Mariarosaria Scherillo. La presentazione dei dati della sperimentazione sarà a cura di Paola Giordano e Giuseppe Lassandro, rispettivamente direttore dell’unità operativa di Pediatria generale e specialistica ‘Trambusti’ del Giovanni XXIII di Bari e dirigente medico dello stesso ospedale. Gli aspetti più tecnici della diagnostica per immagini saranno spiegati invece dal ricercatore del Tecnolab Group Giuseppe Caliandro. Il workshop sarà moderato dalla ricercatrice del progetto EMO.TI.ON Teresa Fiorita.Il progetto ‘EMO.TI.ON’, aggiudicatario nel 2016 dell’avviso “Cluster Tecnologici Regionali per l’Innovazione” della Regione Puglia, è stato condotto dall’Associazione Temporanea di Scopo composta dalla capofila CLE di Bari, Questioncube (start up innovativa di Bari), SEPI di Canosa, System Project di Andria, Tecnolab Group di Locorotondo e Tecnosoft di Alberobello […]

Bambini pugliesi emofiliaci c’è il progetto «EMO.TI.ON»

BARI, 12 febbraio 2018 – Una rivoluzione per l’assistenza e la sicurezza dei bambini affetti da emofilia: saranno presentati domani alle ore 15 nella sede della Regione Puglia di via Gentile 52 i risultati del progetto di ricerca «EMO.TI.ON», condotto da sei aziende IT pugliesi e volto alla realizzazione della prima soluzione tecnologica in grado di integrare diagnostica per immagini a domicilio e videoconsulti telematici. I dati della sperimentazione condotta e la strumentazione tecnologica per garantire un’accurata assistenza domiciliare ai bambini emofilici saranno presentati durante il workshop «Tecnologie per la sicurezza dei bambini con emofilia», cui parteciperanno, tra gli altri, l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Michele Mazzarano, il direttore dell’AReSS Giovanni Gorgoni, la coordinatrice del Co.Re.Ma.R. Giuseppina Annicchiarico e la ceo di CLE, azienda capofila dell’Ats che ha sviluppato il progetto, Mariarosaria Scherillo. La presentazione dei dati della sperimentazione sarà a cura di Paola Giordano e Giuseppe Lassandro, rispettivamente direttore dell’unità operativa di Pediatria generale e specialistica «Trambusti» del Giovanni XXIII di Bari e dirigente medico dello stesso ospedale. Gli aspetti più tecnici della diagnostica per immagini saranno spiegati invece dal ricercatore del Tecnolab Group Giuseppe Caliandro. Il workshop sarà moderato dalla ricercatrice del progetto EMO.TI.ON Teresa Fiorita. Il progetto, aggiudicatario nel 2016 dell’avviso «Cluster Tecnologici Regionali per l’Innovazione» della Regione Puglia, è stato condotto dall’Associazione Temporanea di Scopo composta dalla capofila CLE di Bari, Questioncube (start up innovativa di Bari), SEPI di Canosa, System Project di Andria, Tecnolab Group di Locorotondo e Tecnosoft di Alberobello – in […]

Intervista audio al CEO Mariarosaria Scherillo_ GR Parlamento_ Radio RAI

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/01/CLE-SRL-22-gennaio-2018-LITALIA-CHE-VA-GR-PARLAMENTO-RADIO-RAI1.mp3

18 gennaio 2018_ TG NORBA24_ Intervista al CEO Mariarosaria Scherillo

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/01/20180118-TG_NORBA_24-TG_NORBA_24_1230-125205407m1.mp4

CLE digitalizza il SIS della Regione Campania

CLE digitalizza il SIS della Regione Campania  

Campania: il Sistema Informativo Sociale della Regione sarà realizzato dal CLE di Bari

Campania: il Sistema Informativo Sociale della Regione sarà realizzato dal CLE di Bari  

SIS della Campania, la CLE di Bari digitalizzerà il Sistema Informativo Sociale con la piattaforma applicativa Resettami

Bari,15.01.2018– Il Sistema Informativo Sociale (SIS) della Regione Campania sarà presto digitalizzato: è la CLE di Bari, società IT impegnata nel fornire soluzioni informatiche a pubbliche amministrazioni, ASL e imprese di tutta Italia, ad aver vinto la gara indetta dalla IFEL (Fondazione Istituto per la Finanza e l’Economia Locale della Campania) per la realizzazione del SIS regionale. La soluzione, basata sulla piattaforma applicativa Resettami di CLE, consentirà di costruire un solido sistema integrato di interventi e servizi sociali, in grado di coinvolgere tutti gli attori (decisori, operatori e destinatari dei servizi). In tal modo il numero degli assistibili gestiti con piattaforma applicativa Resettami di CLE passerà dagli attuali 340.000 all’intera popolazione campana. Una volta a regime il SIS della Campania sarà articolato in sette applicativi web based, in grado di produrre la mappatura della domanda di servizi alla persona, potenziali e manifesti, di supportare la pianificazione e la programmazione dell’offerta da parte delle comunità locali, di favorire la decodifica e ricodifica della domanda espressa in funzione dell’offerta di servizi, individuando le prestazioni più appropriate, monitorando la loro erogazione e valutandone l’efficacia per promuovere i necessari adattamenti. Cle, che in questi giorni ha tagliato il traguardo dei 30 anni, occupa tra Bari e Milano 35 persone (15 gli assunti nel 2017), impegnate nella nuova business unit ‘Industry’ (dedicata alla trasformazione digitale delle imprese manifatturiere in ottica ‘Industria 4.0’) e in quelle ‘IT’ (progettazione, realizzazione, gestione ed evoluzione di sistemi tecnologici, infrastrutture informatiche e applicazioni software), ‘Teach’ (formazione tecnico-amministrativa di personale e […]

Cle vince la gara d’appalto per informatizzare il Sis della Campania

  Cle vince la gara d’appalto per informatizzare il Sis della Campania

CLE digitalizzerà in Campania il sistema informatico sociale della Regione

A cura di Emanuele Imperiali – 15 gennaio 2018 L’Azienda Sapori di Corbora si affida alla startup napoletana Authentico La Barese CLE digitalizzerà in Campania  il sistema informatico sociale della Regione Da Corriere del Mezzogiorno – L’economia

02/01/2018 – Intervista di Radio INBLU al CEO Mariarosaria Scherillo

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2018/01/CLE-SRL-2-gennaio-2017-RADIO-INBLU-COSA-Cè-DI-BUONO.mp3

CLE, 30anni di vita-benessere-lavoro. Scherillo: ‘Vinco col welfare aziendale’

I 30anni di CLE e la sfida vinta del welfare aziendale dal CEO Mariarosaria Scherillo Di Antonio V. Gelormini 30anni fa, messa davanti al bivio: carriera manageriale in una grande azienda di Information Technology o mamma a tempo pieno, Mariarosaria Scherillo scelse una soluzione antica quanto il mondo. La stessa assunta da Enea, in fuga da Troia in fiamme, con il padre Anchise sulle spalle e il figlio Ascanio per mano: affrontare un percorso tutto nuovo, diventando artefice del proprio successo. Propendendo, quindi, per la costituzione di una nuova impresa, a cui dare un taglio decisamente tutto personale. E’ riassunto in questa immagine metaforica il percorso della CLE, fondata da Mariarosaria Scherillo  (oggi CEO dell’azienda  e presidente della sezione Terziario Innovativo Comunicazione di Confindustria Bari e BAT), nel 1987 – con pochissimi collaboratori – e con l’intento di conciliare vita-lavoro-benessere. 30 anni dopo CLE occupa tra Bari e Milano 35 persone (15 gli assunti nel 2017), impegnate nella nuova business unit ‘Industry’ (dedicata alla trasformazione digitale delle imprese manifatturiere in ottica ‘Industria 4.0’) e in quelle ‘IT’ (progettazione, realizzazione, gestione ed evoluzione di sistemi tecnologici, infrastrutture informatiche e applicazioni software), ‘Teach’ (formazione tecnico-amministrativa di personale e dirigenza della P.A.) e ‘Resettami’, la soluzione che ha rivoluzionato la gestione dell’assistenza domiciliare socio-sanitaria nel Sud Italia, contribuendo alla riduzione dei costi ospedalieri e alla durata dei ricoveri in Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia, per un totale di circa 12 milioni di utenti assistibili. “Col senno di poi – conferma Mariarosaria Scherillo […]

Evento 30 anni della CLE

Tg regionale di RaiTre servizio (video)

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2017/12/CLE-SRL-19-dicembre-2017-TGR-PUGLIA-ore-1935.mp4

Servizio giornalistico di TRM (video)

https://www.clebari.com/wp-content/uploads/2017/12/CLE-SRL-19-dicembre-2017-TRM.mp4

Nonni condivisi e la nursery l’azienda diventa family friendly

Nel giardino aziendale ci sono i «nonni condivisi». Dentro ai laboratori, mamme e papà sviluppano infrastrutture informatiche e applicazioni software per migliorare l’assistenza domiciliare socio- sanitaria in tutto il Mezzogiorno. Fuori, i bimbi possono giocare e divertirsi, seguiti da speciali sorveglianti: i loro nonni, genitori dei dipendenti. Il benessere nello stabilimento Cle di Bari nasce dal confronto di tre generazioni, in un meccanismo di mutuo aiuto a dimensione di famiglia. «Non poteva essere altrimenti — spiega la fondatrice dell’azienda, Mariarosaria Scherillo, oggi Ceo — visto che trent’anni fa ho vissuto tante difficoltà, quando il settore dell’Information Technology nel sud Italia era composto prevalentemente da uomini e le politiche di conciliazione vita lavoro erano ancora tanto lontane. Ecco perché ho voluto creare un’azienda a misura di donna». Cle adesso spegne trenta candeline e festeggia 15 nuovi assunti nel 2017, che completano la squadra di 35 persone impiegate tra Bari e Milano nel settore Industry ( dedicato alla trasformazione digitale delle imprese manifatturiere in ottica 4.0), nell’It (sistemi tecnologici, infrastrutture informatiche e applicazioni software), Teach ( formazione tecnico- amministrativa della pubblica amministrazione) e Resettami (dedicato all’assistenza domiciliare socio-sanitaria). La vera rivoluzione — raccontano i dipendenti — è però la nascita di Cleden, il giardino aziendale che diventa laboratorio intergenerazionale fatto di giochi e materiali didattici, in cui genitori dei dipendenti ” adottano” figli più piccoli del personale dell’impresa. Lo spazio a dimensione di bambino raddoppia: a breve sarà infatti attivata un’area nursery per le neomamme, per offrire massima flessibilità nella maternità, dalla […]

WELFARE AZIENDALE-Oggi i 30 anni di CLE: azienda IT barese nata per conciliare vita e lavoro della sua fondatrice, che crea un giardino per nonni e figli dei dipendenti e un’area nursery

si è svolto questa mattina l’evento per i 30 anni di Cle, l’azienda barese di Information Technology nata nel 1987 per conciliare vita e lavoro della sua fondatrice Mariarosaria Scherillo (oggi CEO dell’azienda  e presidente della sezione Terziario Innovativo Comunicazione di Confindustria Bari e BAT). Per accrescere il benessere organizzativo, l’azienda, protagonista dell’innovazione digitale nel sud Italia nel settore dell’assistenza domiciliare socio-sanitaria, ha, tra l’altro, creato Cleden, un giardino in azienda, una sorta di laboratorio intergenerazionale fatto di giochi e materiali didattici in cui genitori dei dipendenti ‘adottano’ figli più piccoli del personale aziendale e, a breve, avvierà un’area nursery a supporto dei percorsi di accompagnamento costruiti assieme alle neo-mamme per offrire massima flessibilità nella conduzione della maternità, dalla gravidanza al primo anno di vita dei figli. Oggi CLE occupa tra Bari e Milano 35 persone (15 gli assunti nel 2017), impegnate nella nuova business unit ‘Industry’ (dedicata alla trasformazione digitale delle imprese manifatturiere in ottica ‘Industria 4.0’) e in quelle ‘IT’ (progettazione, realizzazione, gestione ed evoluzione di sistemi tecnologici, infrastrutture informatiche e applicazioni software), ‘Teach’ (formazione tecnico-amministrativa di personale e dirigenza della P.A.) e ‘Resettami’; quest’ultima è la soluzione che ha rivoluzionato la gestione dell’assistenza domiciliare socio-sanitaria nel sud Italia, contribuendo alla riduzione dei costi ospedalieri e alla durata dei ricoveri in Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia per un totale di circa 12 milioni di assistibili.   “Col senno di poi – ha ricordato Mariarosaria Scherillo, CEO di CLE – reputo una fortuna aver vissuto determinate difficoltà 30 anni fa, quando il settore dell’IT nel […]

I trent’anni di Cle, l’impresa barese di Information Technology nata per conciliare vita e lavoro

Le ultime novità? Una business unit dedicata all’industria 4.0, 15 assunti, un laboratorio intergenerazionale in giardino e un angolo nursery Una divisione dedicata all’industria 4.0, 15 assunti in un anno, un laboratorio intergenerazionale in giardino e un angolo nursery: sono queste le principali novità ricordate in occasione dell’evento organizzato per i trent’anni di Cle, l’azienda barese di Information Technology nata nel 1987 per la necessità di conciliare vita e lavoro della sua fondatrice. Oggi Cle occupa tra Bari e Milano 35 persone (15 gli assunti nel 2017), impegnate nella nuova business unit ‘Industry’ (dedicata alla trasformazione digitale delle imprese manifatturiere in ottica ‘Industria 4.0’) e in quelle ‘It’ (progettazione, realizzazione, gestione ed evoluzione di sistemi tecnologici, infrastrutture informatiche e applicazioni software), ‘Teach’ (formazione tecnico-amministrativa di personale e dirigenza della P.A.) e ‘Resettami’. Quest’ultima è la soluzione che ha rivoluzionato la gestione dell’assistenza domiciliare socio-sanitaria nel sud Italia, contribuendo alla riduzione dei costi ospedalieri e alla durata dei ricoveri in Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia per un totale di circa 12 milioni di assistibili. Contava pochissime unità, invece, la società quando fu fondata alla fine degli anni ’80 da Mariarosaria Scherillo che, proprio per conciliare i tempi della propria carriera professionale con quelli da dedicare all’infanzia di suo figlio, rinunciò a un percorso manageriale in una grande azienda It preferendo la costituzione di una nuova impresa. Centrale nei suoi trent’anni di vita, oltre l’impegno nelle attività di R&S (mediamente tra il 15 e il 25% del fatturato),la volontà di promuovere […]

CLE augura a tutti buone feste!

I nostri uffici saranno chiusi in occasione delle festività natalizie dal 02 al 05/01/2018. Sarà garantita la reperibilità al Numero Verde      CLE augura a tutti buone feste!     

Sei pronto per l’adeguamento al “GDPR” – Nuovo Regolamento Europeo UE 2016/679 sulla protezione dei dati, che entrerà obbligatoriamente in vigore a partire dal 25.05.2018?

Se sei un’organizzazione sia pubblica che privata che raccoglie, conserva o tratta i dati personali di residenti dell’Unione Europea (relativi a dipendenti, collaboratori, business partner, clienti attuali e potenziali, fornitori, etc.), entro il 25.05.2018 sarà necessario adeguarsi alla nuova norma. Il passaggio al GDPR non è così scontato e sono molti i nuovi elementi che bisogna tener presente. Per la maggior parte delle organizzazioni, le implicazioni sono rilevanti e di ampia portata, con la necessità di cambiamenti che coinvolgono i flussi di elaborazione dei dati, la struttura organizzativa, i processi aziendali, fino alle tecnologie informatiche e di sicurezza. Noi possiamo supportare la tua organizzazione nell’adeguamento alla norma sia da un punto di vista formale che sostanziale, tramite attività di formazione utenti, consulenza specialistica in merito a processi e procedure aziendali ed implementazione delle misure informatiche necessarie. Di seguito, i principali elementi che vanno tenuti in considerazione: Dal Codice Privacy al Nuovo GDPR: definizioni, novità e differenze. Soggetti (Titolare e Responsabile), i doveri e la responsabilizzazione del Titolare del Trattamento, Privacy e Sicurezza dei Dati. Il Responsabile della Protezione dei dati (Data Protection Officer). Funzioni, caratteristiche, responsabilità e i casi di nomina obbligatoria. La valutazione di impatto e l’analisi dei rischi in merito alla sicurezza ed alla riservatezza dei dati. Le misure di sicurezza, il ruolo delle Certificazioni e dei Codici di condotta. Gli adempimenti: Registro dei Trattamenti, Data Protection Impact Assessment, Data Breach Notification, Trasferimenti di dati all’estero, notifica alle Autorità competenti di qualsiasi violazione dei dati personali. Le sanzioni […]

Primo premio alla Asl di Taranto e Resettami al forum PA per servizi ai cittadini

Al termine del Forum dell’Innovazione per la Salute, organizzato da Forum PA il 20 e 21 Settembre 2017 a Roma, la ASL di Taranto si è aggiudicata il Premio Innova Salute 2017 per il progetto «Integrazione socio-sanitaria al servizio dei cittadini» realizzato con la piattaforma Resettami©. Resettami è la piattaforma, integrata con i Sistemi Informativi Regionali, che consente una gestione integrata del percorso di cura con risparmio di tempo, denaro. Contatta i nostri Esperti per capire in che modo Resettami può ottimizzare le attività del tuo Ambito Territoriale, la tua ASL, la tua Cooperativa Sociale. RESETTAMI Specialist: Giovanni Marsico Giovanni.marsico@www.clebari.com 339/3599860

Stress da lavoro correlato: obbligo di valutazione del rischio a carico del datore di lavoro

Il Dlgs.81/08 ha introdotto l’obbligo per il datore di lavoro di valutare il rischio stress lavoro correlato, nell’ambito della propria azienda , e formare ed informare i lavoratori su questo fattore di rischio. Il datore di lavoro deve quindi verificare se le condizioni lavorative possano indurre nei lavoratori una condizione di stress e formare i lavoratori con un apposito corso. I potenziali effetti dello stress da lavoro correlato  agiscono sul comportamento della persona e possono colpire due livelli: – a livello aziendale i sintomi si possono manifestare attraverso assenteismo, riduzione delle produttività, aumento dei casi di infortunio, incremento della percentuale di errori, problemi disciplinari, avvicendamento frequente del personale, aumento dei costi d’indennizzo o delle spese mediche; – a livello individuale si possono verificare reazioni di tipo emotivo (irritabilità, ansia, disturbi del sonno, depressione, ipocondria, alienazione, spossatezza, problemi relazionali con la famiglia); reazioni cognitive (difficoltà di concentrazione, perdita della memoria, scarsa propensione all’apprendimento di cose nuove, ridotta capacità decisionale); reazioni comportamentali (abuso di sostanze stupefacenti, alcol o tabacco; comportamento distruttivo); reazioni fisiologiche (problemi alla schiena, indebolimento del sistema immunitario, ulcere peptiche, disturbi cardiaci, ipertensione). Il datore di lavoro ha l’obbligo di: Produrre un documento specifico per la valutazione dei rischi stress lavoro correlato Formare ed informare i lavoratori riguardo a questo rischio Introdurre misure adeguate per ridurre o eliminare del tutto il rischio. CLE da 5 anni promuove la cultura del Benessere Organizzativo nelle Aziende Pubbliche e Private, organizzando corsi su misura. I nostri esperti, psicologi del lavoro, saranno a tua completa disposizione per una valutazione completa del tuo personale e delle […]

10 TEMI CHIAVE PER LA FORMAZIONE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Se è vero, come è vero, che la FORMAZIONE rappresenta il volano per l’efficienza della P.A., specialmente in questa stagione di riforme strutturali e costituzionali del nostro Paese, è altrettanto vero che gli obbiettivi della Formazione necessitano di un ripensamento delle modalità operative alla luce della velocità con cui la normativa si evolve e della progressiva diminuzione delle risorse destinate a tal fine. Per questo appare necessario individuare con precisione percorsi formativi differenziati per soddisfare le variegate esigenze di formazione dei soggetti che, a vario titolo, operano “nella” e “per” la Pubblica Amministrazione (dirigenti, dipendenti, amministratori, professionisti esterni, imprese) e focalizzare precisi obbiettivi con giornate dedicate alle problematiche operative che i vari uffici si trovano ad affrontare. CLE for PA intende porsi in quest’ottica di servizio nei confronti delle Amministrazioni dotate di potere politico decisionale decentrato (Regione, Enti Locali, Aziende sanitarie e ospedaliere, Camere di Commercio, Autorità portuali, ecc.) e degli stessi professionisti che con queste ultime si rapportano (avvocati, commercialisti, revisori contabili, imprese, ecc.). In una logica di formazione continua, permanente e ricorrente il criterio prescelto per l’individuazione delle tematiche da approfondire è quello delle novità legislative recentemente introdotte nel nostro ordinamento e qui di seguito elencate: appalti pubblici e servizi pubblici locali, in virtù dell’avvento delle nuove direttive comunitarie (n. 23/2014 concessioni; n. 24/2015 settori ordinari; n. 25/2014 settori esclusi). Queste ultime, con un testo specifico sulle concessioni e la regolamentazione di istituti prima lasciati all’elaborazione giurisprudenziale (affidamenti in house) impongono una rivisitazione dei comportamenti amministrativi, anche in relazione agli […]

RESETTAMI AL FORUM 2017 MEDITERRANEO IN SANITÀ

Si sono conclusi il 13 settembre alla Fiera del Levante di Bari, i lavori del Forum Mediterraneo in Sanità sulla tematica dell’Innovazione e sostenibilità delle cure. Tra gli interventi al Seminario “La telemedicina a supporto della domiciliarità” anche Giovanni Marsico che ha presentato i vantaggi di Resettami nella presa in carico dell’assistito nei servizi socio sanitari, in termini economici e di risparmio di tempo sia per gli Enti che erogano i servizi che per il cittadino.

FOCUS DI APPROFONDIMENTO

IL NUOVO CODICE DEGLI APPALTI E LE LINEE GUIDA DELL’A.N.AC Si è svolto il 17.11.2016 presso la Sala Convegni di Confindustria Bari e BAT il Focus di approfondimento sul Nuovo Codice degli Appalti e Linee-Guida dell’A.N.AC., tematica di vibrante attualità e di snodi operativi ancora da sciogliere per il variegato mondo della P.A. che è stato chiamato a partecipare all’evento. I 150 presenti ai lavori e i quasi 100 collegati in “diretta streaming”, testimoniano il successo dell’iniziativa che aveva il duplice obbiettivo di: 1) mettere a confronto, per la prima volta in Puglia, illustri relatori esponenti delle magistrature contabile ed amministrativa ed il Consigliere dell’A.N.AC. Prof.ssa Ida NICOTRA , docente di Diritto Costituzionale presso l’Università degli Studi di Catania, per esaminare ed approfondire i vari problemi che sorgono dall’applicazione della nuova normativa ed offrire risposte utili ai dubbi ed alle perplessità degli “addetti ai lavori” in ordine alle scelte da compiere ed alle responsabilità da assumere; 2) far partecipare al dibattito i vari esponenti del variegato mondo della P.A. – ivi comprese le Società partecipate – attraverso “interventi programmati” volti ad evidenziare le luci ed ombre, le criticità, i dubbi e le perplessità create dall’impatto delle nuove norme sulle varie realtà istituzionali ed operative. È tutto ciò insieme ad auspici e proposte rivolte alla stessa A.N.AC. per avere Linee-Guida chiare, comprensibili come frutto di una consultazione non formale ma sostanziale che parte dal basso proprio tenendo conto dell’esperienza di chi opera ed è tenuto ad applicare le norme . Dato il pieno successo dell’iniziativa CLEforPA sta lavorando per […]

IL NUOVO CODICE DEGLI APPALTI E LE LINEE-GUIDA DELL’A.N.AC

Si terrà in data 17/11/2016 alle ore 08:30 presso la Sala Convegni di Confindustria BARI e BAT il seminario formativo gratuito sul Nuovo codice degli appalti e le Linee-guida dell’A.N.AC. Nella complessità del nuovo impianto normativo che sta ingenerando dubbi e perplessità interpretative e ritardi applicativi con gravi danni per i cittadini, per il sistema delle imprese e per l’economia dell’intero Paese, le Linee-Guida dell’A.N.AC. rappresentano il “filo di Arianna” per orientarsi nel labirinto delle disposizioni volte, non solo a velocizzare le procedure, ma anche a favorire la trasparenza ed a concretizzare le azioni di contrasto alla corruzione nella P.A. Il Seminario è riservato agli Amministratori, dirigenti e funzionari della Regione Puglia, della Città Metropolitana di Bari, dei Comuni e delle Province pugliesi, delle Agenzie Regionali, delle Società Partecipate, ai Segretari comunali e provinciali, ai Direttori generali ed ai Direttori del personale di ASL, ARES, ARPA, ARCA Puglia Centrale, CCIAA, Autorità portuali, ai Dirigenti dei Distretti Socio-Sanitari e Ambiti Territoriali, per un massimo di 2 partecipanti per ogni Amministrazione. Interverranno: la PROF.SSA IDA NICOTRA Consigliere A.N.AC il DOTT. DONATO CENTRONE Magistrato della Corte dei Conti della Lombardia e Liguria il DOTT. ALFREDO ALLEGRETTA Referendario del TAR PUGLIA l’AVV. NICOLA PARISI Amministrativista e docente CLE

Ciao mondo!

Benvenuto in WordPress. Questo è il tuo primo articolo. Modificalo o eliminalo, e inizia a creare il tuo blog!

INFO

  •   Via G. Amendola, 187/A - 70126 Bari Italy
  •  +39 080 555 97 30
        +39 080 552 49 99
  • FAX: +39 080 550 40 03
  • info@clebari.com
  • PEC: clecert@legalmail.it
  • Partita Iva: 03695510721
  • Responsabile DPO ai sensi dell'art. 37 del GDPR: Avvocato Nicola Parisi

  • (attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle ore 17:30)

CHI SIAMO

Operiamo nel settore dell’IT dal 1987. Siamo una PMI innovativa che fornisce soluzioni e prodotti informatici all’avanguardia a Comuni, Regioni, Aziende Sanitarie e Imprese.

Associato a:
Presenti su: